Una settimana a Tonezza del Cimone

Una settimana a Tonezza del Cimone, nel solito Albergo Vicenza, per lasciare il caldo afoso della città ma soprattutto per vivere insieme quella bella amicizia nata tanti anni fa nei locali di Agorà. Tutti un po' meno atletici, con qualche difficoltà in più per...

leggi tutto

Venite con me a visitare Villa Pisani?

L'ultima volta che c'ero stata avevo trovato il parco molto trascurato e ne ero rimasta dispiaciuta. Ora invece è tutto ben tenuto ed è sempre (divertente) perdersi nell'antico labirinto. La villa ha alcune sale in ristrutturazione ma il resto è un susseguirsi di...

leggi tutto

Con me a Cittadella.

Vi porto con me a visitare il percorso sopra le mura di Cittadella dopo una ristrutturazione durata 13 anni. E' veramente una bella ed emozionante esperienza. Si può immaginare quello che provavano i soldati di allora nel cercare di proteggere la pianura Padana . Il...

leggi tutto

Ferragosto insieme

Un giro di telefonate a chi sappiamo a casa per ferragosto ed eccoci riuniti sulle colline di Rovolon per la classica grigliata sotto le stelle. L'estate putroppo divide i soci di Agorà nelle varie località turistiche e sono poche le occasioni per ritrovarsi durante...

leggi tutto

EL ME AMIGO

EL ME AMIGO Gò un’amigo, un caro amigo de studi e de bagordi, che’l xe anca un fià la me vittima parché ghe mando in anteprima le me ciacole, che qualchedun ciama racontini, parchè el me daga la sò opinion el sò consilio.  No credo gabia inportansa conossare el so...

leggi tutto

POARETO!

                                                POARETO !                                                   Ciò, gheto sentio de Nineto el se gà montà el sarveo ....poareto! da coando qualchedun ghe gà dito che uno col so nome scrito, gera amigo de Dante. Ma qualo?...

leggi tutto

L’ACQUA

L’ACQUA Zampilli dalla roccia limpida e frizzante come un allegro cantante. Vieni pure dal cielo acqua benedetta umile e generosa, regali vita alla natura e non chiedi cosa. Bagni il ricco e il perdente e solo quando non scendi si accorge la gente. Allora gli occhi...

leggi tutto

WiFi.Italia.it

    Sta prendendo corpo il ‘Progetto WiFi°Italia’ che il sito del Governo così descrive     L’obbiettivo Il Progetto WiFi°Italia°It ha come obiettivo principale quello di permettere a cittadini e turisti, italiani e stranieri, di connettersi...

leggi tutto
  • From milvia on EMANUELA

    Grazie Rino perché riesci sempre a toccare il nostro cuore con delle poesie così tenere e così vere. Non smettere mai! Saluti cari
    MILVIA

  • From Dino Bertuzzi on DUE "MACCHIETTE PADOVANE" NOSTALGICO RICORDO.

    Ricordiamo anche, “Corni” e quel personaggio che chiamavamo “Pitoretto”. Non ho notizie in merito perché ero ragazzino, ma ricordo di averli incontrati in centro storico.

    • From danilo solda on DUE "MACCHIETTE PADOVANE" NOSTALGICO RICORDO.

      Corni lo ricordo molto bene, Pedalava con un carrettino a tre ruote con emblema in bella vista di un paio corna di bue molto vistosi e il cassonetto pieno di ferri vecchi, lo incontravi prevalentemente sul ponte del corso vicino ai giardini pubblici e gridava a gran voce Corniiii e ferri vecchi.
      Del “Pitoreto” non ho ricordi

  • From giancarla milan on DUE "MACCHIETTE PADOVANE" NOSTALGICO RICORDO.

    Ricordo perfettamente la Gaetana ma non conoscevo il Mussa. Ringrazio Vitaliano ed Elisa per aver raccontato di questi due personaggi della vecchia Padova.
    Ho davanti a me invece l’immagine di un altro personaggio alto e magro, con una grande bocca che andava da un orecchio all’altro, senza denti e con un mento prominente. Era talmente brutto che forse per questo lo avevano soprannominato “beo”. Parlo appunto di “Gino beo”.
    Abitando da piccola al Bassanello, lo vedevo arrivare ogni mattina da via Adriatica (si chiamava allora strada Battaglia) con una bici arrugginita e sgangherata, senza gomme e camere d’aria, che lui stesso aveva abbellito con qualche “accessorio” di suo gusto … I bambini al suo passare lo rincorrevano e lo spingevano per un breve tratto, spesso prendendolo in giro per il suo abbigliamento bizzarro. Lui non si arrabbiava mai ed era sempre sorridente. Probabilmente raggiungeva in centro i suoi amici “strani” e verso mezzogiorno rientrava a casa. Si diceva avesse una sorella che in qualche modo l’accudiva.
    Giancarla

  • From danilo solda on DUE "MACCHIETTE PADOVANE" NOSTALGICO RICORDO.

    Adesso che Elisa ha svelato il contenuto della borsa della Gaetana, i miei ricordi confermano quanto scritto, ricordo molto bene la sua figura nelle strade di Padova.

  • From Elisa on EL MISTERO DEA VITA

    Che tenera, mi ha fatto venire i brividi!

  • From Elisa on DUE "MACCHIETTE PADOVANE" NOSTALGICO RICORDO.

    Posso svelare il contenuto della borsa della Gaetana.
    Era una grande commerciante, in quella borsa teneva di tutto ma specialmente stoffe che vendeva sopratutto ai venditori delle bancarella. La ricordo con un quadernetto sgualcito in mano ed una matita, segnava gli acconti che riceveva dai sui acquirenti, si perché lei vendeva a piccole rate, accettava quello che le potevano dare. Inoltre se avevi bisogno di casalinghi, anche porcellane lei te le procurava (pagamento sempre a rate).
    Come so questo? Mia madre, grande donna, aveva una bancarella in Piazza della Frutta di prodotti stagionali ed era appunto una cliente della Gaetana.

  • From danilo solda on DUE "MACCHIETTE PADOVANE" NOSTALGICO RICORDO.

    Chi avesse qualche foto del personaggio Il “Mussa” se gentilmente me la trasmette le sarei molto grato per poterla inserire nell’articolo.

  • From paolo on ANZIANI PROTAGONISTI NELLA SOCIETA

    Senza voler essere retorico, ormai è assodato, anche se non ancora è stato recepito da tutti, che il futuro è degli ‘anziani’ oltre la terza età,
    sia per aspettative e qualità di vita, ed anche come business, perché gli anziani hanno e avranno bisogno di assistenza più o meno qualificata, ed anche se non hanno grossi problemi fisici, possono generale business (viaggi per la terza età, film conferenza, università per la terza età e così via).

    Mi fa molto piacere che nell’articolo del Prof.Zamagni sia stata inserita una foto del nostro indimenticato Francesco.